Verso la strategia provinciale di sviluppo sostenibile della Provincia Autonoma di Trento

La Provincia Autonoma di Trento ha deciso di contribuire al perseguimento della Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile (SNSvS), attraverso la definizione di una Strategia Provinciale per lo sviluppo sostenibile (SproSS), coerente con le linee guida delineate a livello paese, tramite il coinvolgimento di diversi soggetti al fine di configurarla come una strategia condivisa.

Il presupposto per la specificazione della Strategia stessa è stata un’analisi del posizionamento del Trentino in relazione al raggiungimento dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs), che formalmente è contenuta in un documento, del dicembre 2019, risultato rilevante per individuare i 10 Obiettivi prioritari provinciali attorno ai quali si dovrà discutere in maniera partecipata per darle concretezza. Dall’analisi di questo documento, da un punto di vista generale, emerge che la PAT, prendendo a riferimento i dati medi nazionali, ha un buon posizionamento in relazione agli obiettivi strategici nazionali contenuti nella SNSvS. Considerando, infatti, i 128 indicatori di sostenibilità ISTAT, utilizzati per compiere questa analisi, risulta nel 79% dei casi essere al di sopra della media. Scendendo più nel dettaglio, se si considerano le 4 diverse aree in cui si struttura il documento, Persone, Pianeta, Prosperità e Pace, affiora che in Trentino si è avanti soprattutto rispetto agli aspetti legati al Pianeta e alla Pace mentre si può ancora migliorare in riferimento alle Persone e alla Prosperità. Nonostante il buon posizionamento raggiunto in relazione a molti aspetti di sostenibilità, comunque, ci sono ancora elevati margini di miglioramento per il Trentino che costituiscono il presupposto per poter raggiungere pienamente gli obiettivi dell’Agenda 2030.
Uno dei campi in cui sussistono questi margini di miglioramento è quello imprenditoriale. Dall’analisi, in particolare, è emerso che in relazione alle pratiche di CSR nella PAT c’è ancora molto da fare, tanto che uno dei 10 Obiettivi sopracitati è “Promuovere responsabilità sociale e ambientale nelle imprese e nelle amministrazioni” allo scopo di aumentare il numero di imprese o istituzioni che integrano programmi ambientali e sociali all’interno dello svolgimento delle proprie attività. Ciò viene sottolineato è che in Provincia si deve lavorare soprattutto sulle certificazioni, diffuse ma in calo negli ultimi anni per la mancanza di incentivi e di una promozione adeguata e per le lunghe procedure burocratiche che vi stanno dietro, e su ciò che riguarda la responsabilità dal punto di vista sociale, visti i valori di alcuni indicatori sotto il valor medio nazionale, come per esempio quello relativo alla retribuzione media annua per i lavoratori dipendenti.